Quel bravo ragazzo degli anni 80 che ci ha fatto sognare!

Quest’anno, forse per la prima volta, martedì 16 luglio 2019, salirà sul palco del Lucca Summer Festival Eros Ramazzotti classe 63: lui, quel bravo ragazzo che ci riempiva i cuori durante le nostre giornate irrequiete adolescenziali.

Eros Luciano Walter Ramazzotti (Roma, 28 ottobre 1963), può definirsi tranquillamente un cantautore.

Lui uno dei cantanti di maggiore successo nel panorama della musica leggera italiana, del pop rock, e del pop latino a livello internazionale dagli anni ottanta. Dal 1984 ha venduto circa 60 milioni di dischi ed è tra gli artisti italiani che hanno venduto il maggior numero di dischi. Ramazzotti vanta anche importanti collaborazioni artistiche con cantanti di levatura internazionale come Tina Turner, Cher, Anastacia, Ricky Martin, Luis Fonsi, Joe Cocker, Andrea Bocelli e Luciano Pavarotti vincendo, inoltre, numerosi premi e riconoscimenti (come l’Echo Music Award 1999 e il NIAF Award 2008) ottenuti per aver promosso l’immagine della musica italiana all’estero. Ragazzo dalle semplici origini, cantava appunto “nato ai bordi di Periferia”. Figlio di Rodolfo Ramazzotti, operaio edile, e di Raffaela Molina, casalinga, originari lui della provincia di Viterbo, lei di quella di Vibo Valentia, Eros cresce nel quartiere periferico di Roma sud-est Cinecittà, nel comprensorio di case popolari Lamaro, dove poi realizzato il successo non ci tornerà quasi più.

Suo padre era musicista e cantante amatoriale. Sin da giovane, Eros mostra una precoce predisposizione per la musica interessandosi prima allo studio del pianoforte e poi della chitarra, avvalendosi di due suoi amici del suo quartiere, uno chitarrista jazz, l’altro intrattenitore di piano bar.

Dopo la licenza media, Eros fa domanda di ammissione al Conservatorio di Roma, ma viene respinto, quando si dice non sempre i migliori escono o riescono perchè frequentate Scuole “prestigiose”.

Si iscrive alla ragioneria, il cui istituto si trovava dirimpetto casa sua: dopo tre anni frequentati con scarso interesse e profitto abbandona gli studi. I suoi coetanei e amici di allora lo ricordano in perenne compagnia del suo cane Billy, dal quale mai si separa.

Dopo un tentativo fallito della famiglia di emigrare in Australia (erano in procinto di vendere il loro modesto appartamento), Eros trascorre un intero anno a studiare inglese.

Sanremo: trampolino di lancio e successo

Il 3 febbraio 1984 partecipa al Festival di Sanremo, nella sezione Nuove Proposte, con il brano Terra promessa, un disco che sarebbe dovuto uscire a ottobre, ma che venne proposto alle selezioni di Sanremo Giovani; ammesso alla finale, vince la manifestazione nella sezione nuove proposte. Grazie anche all’arrangiamento vagamente dance ne viene realizzata una seconda versione estesa, pubblicata su discomix. Inizia da lì la sua notorietà, anche internazionale, quando comincia ad affrontare platee tedesche, austriache e svizzere. Sempre nel 1984, alla Vela d’Oro di Riva del Garda, presenta la canzone Buongiorno Bambina.

Si ripresenta nell’edizione del Festival di Sanremo 1985, stavolta tra i “big”, con il brano Una storia importante. Si classifica sesto ma a livello discografico è un trionfo; difatti, il singolo sanremese vende oltre un milione di copie in Francia. Segue la pubblicazione del suo primo album, Cuori agitati inciso anche in lingua spagnola col titolo Almas rebeldes.

L’anno seguente trionfa anche nella classifica finale, ottenendo il primo posto a Sanremo con Adesso tu, come si dice “non c’è due senza tre”; Adesso tu fa da apripista all’uscita del secondo album, Nuovi eroi, titolo omonimo per un’altra sua canzone di successo. Anche questo album viene inciso in lingua spagnola, a conferma della sua popolarità oltre confine. In quello stesso anno vince anche il suo primo FestivalBar, nella categoria 33 giri con l’album Nuovi eroi.

Cosa aggiungere Eros resta e resterà per Noi quel bravo Ragazzo che ci ha “agitato i Cuori” in quella fase della Vita, l’adolescenza, l’eta’ maledetta, alcuni sostengono, in cui siamo tutti stati irrequieti, irriverenti, ribelli, innamorati, testardi , immaturi ed in quei testi, in quelle parole , in quelle note non facevamo altro che immedesimarci, eravamo protagonisti tutti, Noi Ragazzi degli anni 80, di quel turbamento e di quel cambiamento che stava avvenendo nella nostra mente… e nei nostri corpi.

Eros siamo cresciuti insieme sicché ti aspettiamo a Lucca per rivivere qui tempi indimenticabili, con i Cuori un po’ meno agitati ma le anime ancora, forse, un po’ ribelli!

The following two tabs change content below.
Marina Ortega Iaccarino

Marina Ortega Iaccarino

Marina Ortega Iaccarino

Ultimi post di Marina Ortega Iaccarino (vedi tutti)

Ti è piaciuto questo contenuto? Condividilo con tutti!

Commenta l'articolo

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Puoi utilizzare i tag HTML e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>