Febbre, malaria e liquori… la gustosa cura di Lucca.

Tra le 10 cose da fare a Lucca per conoscere un punto di vista insolito sicuramente va inserito un assaggio di China Massagli.

Potreste dunque iniziare a cercare i bar e le caffetterie dove poter trovare questo liquore ma quelli non sono i luoghi giusti dove guardare, perchè per assaggiare la famosa china Massagli bisogna entrare nell’omonima farmacia in Piazza San Michele.

“Oh, ma io ‘un son mi’a malato/a eh”. Te no, ma chi la beveva nel 1800 si. Questo infatti un tempo non era un liquore da bere per piacere o per digerire dopo un ricco pasto domenicale, bensì un rimedio contro la malaria. Si, era una medicina e dunque l’unico posto dover lo si poteva reperire era la farmacia Massagli. Perchè proprio e solo lì?

Facciamo un saltino indietro e andiamo nel 1855 in Piazza San Michele, nascosto nel retro della sua farmacia avremmo trovato il Dottor Massagli tutto intento a trovare a mischiare erbe medicinali. Voleva trovare un rimedio alla malaria che stava affliggendo i suoi tanti pazienti. Ed ecco che un giorno macerando la radice di Ginebona Officinalis, la corteccia di china e altre erbe officinali, alcune top secret, riuscì a produrre un’alternativa al chinino che si usava in questi casi. Aveva prodotto un liquore che aveva proprietà antimalariche e febbrifughe. Inutile dire che questo elisir rivoluzionò la vita dei lucchesi e il dottore riuscì a curare migliaia di pazienti.

Nel 1901 iniziò la commercializzazione e visse il momento di massimo splendore nel momento tra le due guerre, ma non è che oggi ce lo siamo scordato eh… Ha solo cambiato uso, la China Massagli oggi è un liquore godereccio, ma comunque dalle proprietà utilissime. Oggi infatti è considerato e usato come energetico, ma soprattutto come digestivo che rimette al mondo, apre le vie respiratorie e all’occasione resuscita i morti.

Non si scorda però la sua funzione iniziale e infatti in tante case lucchesi, specialmente in quelle delle persone di una certa età, la china Massagli è lì fedele al suo posto, su una mensola, pronta all’uso quando l’influenza fa capolino.

The following two tabs change content below.

Giada Paolini

Guida turistica pisana in terra straniera. Laureata in lingue, letterature e studi interculturali. Appassionata di gossip storico non convenzionale.