“Che nòme n’avrò a mètte?” Da sé se lo disse da sé lo intese. “Ni vó mètte nòme Pinocchio, ché n’abbi a portà bòno. De’ Pinocchi n’hó ‘onosciuto ‘na famiglia che Pinocchio era su’ pa’, Pinocchia su’ ma’, Pinocchia la figlia della sorella ch’era Pinocchia pure vella. Male ‘un istavino: vello c’haveva più vatrini haveva le pèzze ar culo!”

C’era uno ar bare che lo chiamavino “Pinocchio” ma no perché diceva le bugie ma perché parlava sempre di ver burattino lì e da bamboretto vuoleva légge solo vel libbro lí.
Pinocchio era di Fornoli, che sarébbe a Bagni di Lucca il pòsto delle terme.

E lu’era ‘onvinto che ancho Carlo Lorenzini, lo scrittore “Collodi” che stava nella valle accanto di Biecina, era viensuto nella valle di va’, della Lima, per indà a fa’ i fanghi e a beve l’acqua termale e s’era ispirato a tutte le ricchesse e’ divertimenti e’ gioattoli per ambientà l’istoria di Pinocchio.
Oppure indava nella sprendida Lucca e, logi’amente, faceva prima a passa’ da Benabbio e scende da Moriano a Lucca, che a passà da Lappato, Capannori e via discorendo.
Infatti a Bagni c’era ir casinó, che ni garbava a Califano ma ancho a romani e soppratutto i balocchi, perché Bagni di Lucca, segondo lu’ e le gènti de’ su pòsti, era il Paese dei Balocchi.
I balocchi ‘un sarebbin artro che i mammalucchi, quelli che i nostri nonni facevino cor gesso, li pitturavino le donne e po’ li portavino, nella valigia di ‘artone legata collo spago, in Ameri’a e ner mondo per vèndeli.
E Lucignolo ‘un sarébbe artro che uno di Lucignana, gatti ce n’erin un fottio e anche vorpi, grilli ‘un ne parliano.
Che po’ ancho per e bari, induve tutti c’han un soprannòme ne’ paesini, c’è sempre uno che lo chiamino o “Il Gatto” o “La Volpe” o “Il Grillo” e di solito van a cóppia o ‘n trio.
La Fatina po’ c’era davero, c’haveva ancho la casa delle fate, a Seraglio, (n’avevin detto i su amici Gnomi del Parco a Villa Fiori) e ‘r Pescecane, perchè la Balena è arivata dopo assai, sarebbe l’Orido di Botri che sembra inghiottitti quando ci vai drento.
E Mangiafuoco ‘un poterebbe esse’ un forno delle Fornaci di Barga induve ci fan il rame?

O “Pinocchio” direte voi artri!?!?

Segondo Pinocchio di Fornoli, Pinocchio vero doveva esse’ un su’ parente neancho troppo lontano!
Ora, lù se l’era un popo’ aggiustata ‘ome ni pareva, però sarebbe bello vesto ponte tra le du’ valli, perché Pinocchio, vello di Collodi intendo, è ir simbolo più cognosciuto dell’Italia ner mondo e la favola la più sterepitosa pubbli’ata vant’e la Bibbia in tutte le lingue ch’esistano; c’hanno fatto filme, cartoni animati e ci s’é sognato un po’ tutti con la su’ storia!
E sono ‘ognosciuti ancho i mammalucchi, quelli de’ figurinai di Bagni, che l’ha apprezzati ancho la Chiesa, il Papa e tutto ‘r mondo e che popolino i nostri be’ presepj.

The following two tabs change content below.

Ultimi post di Lustro Da Lucca (vedi tutti)

Ti è piaciuto questo contenuto? Condividilo con tutti!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>