Vi siete mai chiesti quali sono le 10 cose da mangiare quando si visita Lucca?
Ogni parte d’Italia ha un suo variegato paesaggio gastronomico e Lucca e la Lucchesia non sono certamente da meno, e per il visitatore i piatti ed i prodotti di questo territorio possono costituire una straordinaria e inattesa scoperta dato che alcune specialità non si sono ancora affermate nel resto d’Italia.

Le delizie del palato sono tante ma per ora mi limiterò a quelle che il visitatore non dovrebbe assolutamente lasciarsi sfuggire e che possono essere facilmente gustate in giro per la città. Ecco quindi le 10 cose da mangiare a Lucca!

Tordello Lucchese

Inizio da quello che è per me il re dei primi: il Tordello.

I tordelli lucchesi li trovo veramente differenti da tutti gli altri tipi di pasta all’uovo ripiena serviti nel resto d’Italia. La bellissima forma dentellata a mezzaluna o circolare è già di per sé invitante ma ciò che li contraddistingue è il numero e l’associazione degli ingredienti del ripieno: carne di manzo e maiale, mortadella, bietola, peporino, parmigiano, sedano, aglio, mollica, noce moscata, pepe, basilico.

Vanno serviti con un sugo di carne, un ragù ad esempio ma è interessante provarli anche con un semplice sugo al pomodoro o addirittura semplicemente al burro per apprezzarne ancora meglio la struttura e complessità del ripieno. Mangiarli è una enorme goduria. A mio parere richiedono un vino rosso giovane, e non troppo dominante, quindi un Rosso delle Colline Lucchesi è un abbinamento perfetto. Il tordello è una delle cose da mangiare assolutamente a Lucca!

I tordelli lucchesi, il piatto imperdibile di Lucca

Minestra di Farro alla Lucchese

Tra le cose da mangiare a Lucca, il farro è un classico prodotto del territorio della Garfagnana ed è il re di questo piatto che bisogna assolutamente assaggiare. La semplicità è la sua forza: farro, legumi, verdure. Ho trovato un po’ di varianti in giro nella scelta dei legumi. La versione classica è con i fagioli scritti (borlotti) ma l’ho provata anche con le lenticchie: ottima.

La minestra di farro alla Lucchese (Credits: Ti consiglio un posticino)

Pane di Patate

E’ un pane soffice e fragrante che si trova solo a Lucca ed in Garfagnana, dove origina. L’umidità della patata lo conserva per molti giorni. E’ morbido e naturalmente dolce ed ha una sua peculiare consistenza. E’ così buono che lo si può mangiare anche da solo.

Il tradizionale pane di patate

Torta co’ becchi

E’ chiamata così per la decorazione dei bordi a forma di becchi. Se ne trovano in giro di vari tipi, con cioccolata, pere o more ma la versione da non perdere per la sua originalità è quella “cogli erbi” ovvero le bietole o se si è fortunati con le erbe selvatiche. A mio parere questa ricetta fa un uso riuscitissimo e non convenzionale delle verdure in un contesto dolce. L’aggiunta di pinoli e buccia d’arancia aggiunge un tocco extra.

La torta co’ becchi, qui in versione con verdura

Buccellato

Questo semplice pane dolce “povero” è un dolce antico che non manca mai nelle case lucchesi. E’ un pane dolce arricchito con uova, semi di anice e uvetta ed ogni fornaio o pasticceria a Lucca ha una sua ricetta. Qualche negozio lo vende ancora nella tradizionale forma di ciambella, infatti in passato lo si portava a casa appeso al polso, ora però lo si trova spesso in forma allungata. Va bene consumato da solo o con panna, ricotta, fragole. A me piace tostato coperto con un po’ di gelato alla crema. Anche il buccellato è una delle cose da mangiare a Lucca da non perdere.

Il buccellato, il dolce tradizionale di Lucca

Necci

I necci richiamano alla memoria secoli o anche millenni di storia della Lucchesia. Sono fatti di semplice farina di castagne cotti fra i “testi”, due dischi di ferro con un manico che vengono posti su una fiamma, su quella di un camino per chi ce l’ha. Nei tempi che furono si usavano delle pietre piatte e foglie di castagno. Questa tecnica antica può essere ancora ammirata in qualche fiera. I necci appaiono come dischi piatti quasi come delle crepes e vanno tradizionalmente serviti arrotolati con una farcitura che spesso è semplice ricotta oppure una fetta di Biroldo, un salume povero della Garfagnana. In alcuni paesi della Valle della Valle del Serchio, i necci si preparano “incicciati” ovvero con una fetta di salsiccia che viene incorporata prima della cottura.

I necci con la ricotta (Credits: Il Desco)

Pecorino della Valle del Serchio e della Garfagnana

Anni fa in un piccolo ristorante a Lucca mi fu offerto del pecorino artigianale sublime. Avevo sempre amato i formaggi di pecora ed il pecorino in particolare ma quello fu una rivelazione. Era molto stagionato ma non secco e duro ed aveva una pienezza di sapore unica. Da quel momento ho dedicato più attenzione alla ricerca di altri pecorini della Lucchesia. A Lucca è facile trovarne di molti tipi ed un tagliere di pecorini e salumi con un buon bicchiere di rosso è un piacere unico.

I pecorini della Garfagnana (Credits: Ti consiglio un posticino)

Salumi e affettati

I prodotti della Garfagnana hanno da sempre arricchito le tavole lucchesi: Pecorini, castagne, farro, granturco e carni. I salumi sono davvero eccellenti. Prosciutti e salami della Lucchesia hanno delle caratteristiche inconfondibili. La mondiola è un insaccato a forma di disco con una foglia di alloro al centro. Ha odore e sapore intensi e provarlo la prima volta lascia una sensazione indimenticabile. Il Biroldo invece è un salume fatto con le parti povere del maiale incluso il sangue. Infine non posso non menzionare il superbo prosciutto Bazzone con il suo distinto sapore di bosco.

Salumi, affettati e pecorini (Credits: Ti consiglio un posticino)

Baccalà

La Lucchesia sorprendentemente ha una ottima tradizione di ricette di baccalà: fritto, in umido con i ceci o con la bietola. Molti negozi espongono ancora pezzi candidi di baccalà e stoccafisso secchi. In diversi paesi della Lucchesia vi sono sagre e feste del baccalà, testimoni di un’antica tradizione culinaria.
A mio avviso la ricetta di “Baccalà con i porri” è sublime e nei piccoli ristoranti a conduzione familiare è spesso la mia scelta di secondo piatto.

Il baccalà

Rovelline

Questo era originariamente un piatto di recupero. Quello che era rimasto di un banchetto del giorno precedente veniva riusato in una nuova ricetta.
Le fette di carne venivano impanate, fritte e poi lasciate insaporire in una salsa di pomodoro con cipolla, aglio, prezzemolo, origano, capperi e pepe.

Le rovelline, il classico piatto con gli avanzi che ci cucinavano le nonne (Credits: Ti consiglio un posticino)

 

Spero che questi dieci suggerimenti sulle cose da mangiare a Lucca siano una buona introduzione alle delizie della tavola lucchese.

The following two tabs change content below.
Vincenzo Cammarota
Mi chiamo Enzo e abito in Lucchesia da lungo tempo. Per molti anni ho navigato in tutto il mondo e ho poi vissuto a Londra dove ho insegnato e avuto uno studio editoriale che si occupava di libri rari o fuori stampa. Alla fine ho gettato la mia ancora in Lucchesia, una delle terre più belle che abbia mai visto. Vivo circondato dalle mura di Lucca e sono vicino di casa di Puccini. Sono appassionato di cucina e mi sono interessato ed ho scritto su alcuni eccellenti prodotti del territorio, in particolare della Media Valle del Serchio, poco conosciuti ed usati fuori dei confini della Lucchesia.
Vincenzo Cammarota

Ultimi post di Vincenzo Cammarota (vedi tutti)

Ti è piaciuto questo contenuto? Condividilo con tutti!

4 Comments

  1. Avatar

    Marco

    Secondo me ci sono anche troppi improvvisati che tratano di enogastronomia. Uno in più si poteva risparmiare. Pecorino della Garfagnana, baccalà…

    • welcome2lucca

      welcome2lucca

      Buonasera Marco e grazie per aver commentato l’articolo.
      Innanzitutto ci teniamo a precisare che nel nostro nutrito gruppo di blogger appassionati che scrivono sul nostro portale non c’è nessuno che vuole erigersi a esperto di eno-gastronomia. In ogni caso, con il nostro post, abbiamo voluto solamente dare qualche consiglio per i turisti che si apprestano a visitare Lucca o che stanno comunque cercando informazioni sui piatti e prodotti tipici di Lucca e di tutta la sua provincia.
      Non pretendiamo certo di essere una guida Michelin, Dio ce ne scampi e liberi! 🙂 A tal proposito, accettiamo volentieri spunti e consigli da chi, come Lei è sicuramente (almeno, questo ci pare di capire) più esperto di noi in materia.
      Continui a seguirci e magari se vuole iniziare a far parte del nostro team di creatori di contenuti, magari a sfondo eno-gastronomico, ci contatti alla nostra email [email protected]! 😉 Un abbraccio.

  2. Avatar

    STEVE HUNTROD

    A great read that made me wish I was back in Barga , My wife is from there and we stay there most of the summer . We eat all of those dishes maybe in slightly different variations but all are delicious .

    • welcome2lucca

      welcome2lucca

      Hi Steve, thanks for your comment and sorry for my English! 🙂
      The province of Lucca offers many variations of typical recipes. This is because in the province of Lucca there are mountains, hills, plains and the sea. And every village has its typical recipes.
      Continue to follow us, because soon we will also have the English version of the portal (thanks to native english translators…).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>